Dysaphis plantaginea

Afide grigio del melo

Informazioni di carattere generale

L'afide grigio del melo (Dysaphis plantaginea) è un parassita del melo molto dannoso. Pur essendo diffuso in Europa, è presente anche in Africa, Nord e Sud America e Asia e può causare gravi danni a germogli e frutti.

Ciclo biologico e aspetto dell'afide verde del melo

Gli afidi hanno un ciclo biologico complesso, con adulti alati e senza ali e una grande varietà di colori. Fanno la muta quattro volte prima di raggiungere l'età adulta. Ad ogni muta disperdono un’esuvia bianca, rivelando così la loro presenza in una coltura.

Le femmine vivipare adulte dell'afide grigio del melo sono lunghe da 2,1 a 2,6 mm e di colore variabile da rosa a grigio-bluastro scuro, con una spolverata di cera bianca. I sifuncoli sono neri e affusolati, mentre la coda è scura, corta e triangolare.

Dysaphis plantaginea depone le uova in autunno nelle fessure della corteccia su speroni e rami più piccoli, oltre che alla base dei boccioli dei meli. Le uova si schiudono in primavera e in un primo momento gli afidi attaccano i boccioli, le foglie sugli speroni e le foglie a rosetta. Successivamente, l'infestazione si propaga ai germogli giovani. In primavera e in estate, la riproduzione avviene per partenogenesi, con le femmine vivipare non fecondate che continuano a produrre nuove generazioni di femmine. Entro la fine di maggio o giugno (nell'emisfero settentrionale) sugli alberi possono essere presenti diverse grandi colonie. Gli afidi alati nascono a giugno o luglio. Si spostano sui platani (Plantago spp.), l'ospite estivo. La riproduzione sui meli può tuttavia continuare fino ad agosto. All'inizio dell'autunno, gli afidi grigi del melo alati tornano al melo per la deposizione delle uova.

Sintomi di danno

Le foglie infestate del melo sono fortemente arricciate verso il basso e sfigurate. A volte assumono un colore giallastro o marrone. I germogli attaccati sono rachitici e storti. Un attacco pesante può portare alla caduta prematura delle foglie e alla morte dei germogli.

I frutti dei grappoli infestati sono piccoli e malformati e maturano prematuramente. L'alimentazione degli afidi direttamente sui frutti provoca macchie rossastre sulla buccia.

Mettiti in contatto con un esperto

Koppert Biological Systems

Thanks for your request!

Something went wrong, please try again

Entra in contatto con uno dei nostri esperti.
Realizziamo prodotti e soluzioni per i coltivatori professionisti del settore dell'orticoltura.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e informazioni sulle tue colture direttamente nella tua casella di posta elettronica

Scroll to top