Ostrinia nubilalis

Piralide del mais

Informazioni di carattere generale

La Piralide del mais (Ostrinia nubilalis) è un fitofago dannoso del mais che attacca anche meli, fragole, peperoni e altre piante. È presente in Europa, Nord Africa e Nord America, luoghi in cui è stato introdotto.

Ciclo biologico e aspetto della Piralide del mais

Gli esemplari adulti hanno un'apertura alare di 22-32 mm e ali anteriori di colore variabile dal giallastro pallido al marrone olivastro con segni irregolari color grigio porpora. Le ali posteriori sono di colore grigio chiaro con segni più scuri.

Le uova sono quasi piatte, hanno un diametro di circa 1 mm e sono di colore bianco appena deposte, in seguito diventano gialle. La testa nera della larva è visibile poco prima della schiusa. Le uova vengono deposte in ammassi, sovrapposte come le tegole di un tetto. Il numero medio di uova per ammasso di uova è di 30 unità.

Le larve sono lunghe fino a 25 mm e hanno un corpo di colore variabile dal marrone pallido al brunastro con macchie scure e una parte centrale pallida alla base dei peli. La testa è di colore variabile dal marrone al nero brunastro. Le pupe sono lunghe fino a 2 cm e di colore variabile dal marrone chiaro al rossiccio scuro.

 

In Europa, gli esemplari adulti compaiono a giugno. Le uova vengono deposte principalmente nella pagina inferiore delle foglie. Inizialmente le larve si nutrono delle foglie per poi penetrare nello stelo all’apice delle piante di mais. Successivamente, le larve di seconda generazione scavano all'interno degli internodi dello stelo producendo ampie gallerie. Le larve si trasformano in pupe all’interno delle gallerie o nel terreno. Le larve dell’ultima generazione svernano nelle gallerie da esse scavate nelle stoppie, negli steli e nelle spighe di granturco o in piante selvatiche.

Sintomi di danno

Fila orizzontali di fori presenti nelle foglie giovani, causate dall'alimentazione delle larve, forniscono una prima indicazione di attacco da parte della piralide del mais. In seguito, i fori sono facilmente visibili sui gambi o nella parte apicale delle pannocchie. Le gallerie scavate dalle larve indeboliscono gli steli che possono spezzarsi in caso di vento.

Nutrendosi all'interno del gambo del granturco la larva distrugge il tessuto vascolare. Di conseguenza, le piante fortemente attaccate sono più piccole e producono meno cariossidi per spiga.

Come liberarsi della piralide del mais

Koppert offre varie soluzioni per il controllo biologico della Piralide del mais.

Mettiti in contatto con un esperto

Koppert Biological Systems

Thanks for your request!

Something went wrong, please try again

Entra in contatto con uno dei nostri esperti.
Realizziamo prodotti e soluzioni per i coltivatori professionisti del settore dell'orticoltura.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e informazioni sulle tue colture direttamente nella tua casella di posta elettronica

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.
Scroll to top