Rhizobium rhizogenes, Rhizobium radiobacter

Galla del colletto

Generalità

I batteri Rhizobium sono batteri del suolo che fissano l'azoto dopo essersi stabiliti all'interno dei noduli radicali delle leguminose. Inoltre, le specie patogene Agrobacterium sono state recentemente assegnate al genere Rhizobium. Questi batteri patogeni, in passato noti con le denominazioni Agrobacterium tumefaciens o Agrobacterium radiobacter, Agrobacterium vitis, Agrobacterium rhizogenes e Agrobacterium rubi, hanno ora cambiato la prima parte del nome in Rhizobium.

Rhizobium rhizogenes o Rhizobium radiobacter causano una crescita incontrollata delle radici, radici pelose e galla del colletto.

Ciclo biologico e aspetto della galla del colletto

La fonte primaria di infezione da Rhizobium rhizogenes non è ancora stata stabilita. L'ipotesi è che i batteri sopravvivano nel terreno, ma è possibile che la prima infezione provenga dal materiale di moltiplicazione. L'infezione avviene anche tramite ferite. Dopo l'infezione, si formano galle che si aprono liberando molti batteri. Questi vengono dispersi dalla pioggia e dal vento oltre che da esseri umani e utensili. Fino ad oggi, non è ancora stato isolato alcun batterio derivante da radici cresciute in maniera incontrollata ( “crazy roots”). Questa malattia sembra essere causata da un cambiamento nel sistema ormonale delle piante derivante da un'infezione da Rhizobium. Rhizobium rhizogenes inserisce un plasmide R nel tessuto vegetale causando un cambiamento genetico nella pianta.

Sintomi di infezione

Le quattro specie patogene di Rhizobium causano sintomi diversi, come galle, tumori e una crescita eccessiva delle radici. Tutte e quattro le specie causano la crescita di galle sugli steli, che sono prima bianche per poi diventare successivamente marroni. Solo il Rhizobium radiobacter provoca galle e tumori su parti di piante sotterranee e sulla corona. Inoltre, l'infezione è caratterizzata da un'eccessiva crescita delle radici (”crazy roots”). Negli ortaggi coltivati in serra, le radici invadono il substrato e nei casi di gravi epidemie i gocciolatori si intasano. Nei pomodori si manifesta una crescita vegetativa eccessiva.

Come prevenire la galla del colletto

  • Utilizzare materiale di moltiplicazione certificato e sano
  • Adottare un protocollo d'igiene rigoroso che preveda la disinfezione degli utensili, gocciolatori, canalette di scolo ecc.
  • Adeguare il lavoro in serra per adattarlo al protocollo d'igiene
  • Disinfettare la soluzione nutritiva per prevenire la crescita di biofilm all'interno del sistema di irrigazione
  • Evitare qualsiasi contatto tra le radici delle piante e le canalette di scolo nelle serre

Prevenire le malattie ottimizzando il potenziale della pianta e la resilienza delle colture.

Mettiti in contatto con un esperto

Koppert Biological Systems

Thanks for your request!

Something went wrong, please try again

Entra in contatto con uno dei nostri esperti.
Realizziamo prodotti e soluzioni per i coltivatori professionisti del settore dell'orticoltura.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e informazioni sulle tue colture direttamente nella tua casella di posta elettronica

Scroll to top