Venturia inaequalis

Ticchiolatura del melo

Generalità

Venturia inaequalis è un fungo ascomiceto che causa la ticchiolatura del melo

Ciclo biologico e aspetto della ticchiolatura del melo

Venturia inaequalis sverna sotto forma di corpi fruttiferi immaturi nelle foglie infette cadute o nelle lesioni sui ramoscelli. Questi corpi fruttiferi acerbi, o pseudoteci, maturano in inverno formando ascospore. A seconda della temperatura, queste ascospore maturano e vengono successivamente rilasciate quando vengono bagnate. Le ascospore vengono disperse dal vento sugli alberi da frutto e germinano quando è presente acqua corrente. Infettano la pianta per penetrazione diretta delle cuticole per poi crescere tra le cuticole e l'epidermide delle cellule vegetali. Questo provoca lesioni su cui si formano i conidiofori, strutture contenenti i conidi, che si estendono attraverso le cuticole. I conidi asessuali vengono rilasciati, ripetendo così il ciclo di infezione delle nuove parti della pianta e la produzione di spore. In autunno, il fungo produce nuovi pseudoteci nelle foglie che sono già cadute dagli alberi.

In risposta all'infezione, le piante producono sughero come difesa contro un'ulteriore crescita del fungo. Nelle cultivar più resistenti, ciò avviene più in fretta, pertanto le lesioni restano più piccole.

In base alla ricerca condotta sull'influenza delle condizioni climatiche sul rilascio di ascospore e sul rischio di infezione, è stato creato un sistema di supporto decisionale. Questo sistema suggerisce ai coltivatori i periodi favorevoli e per quando sono previsti. Le ascospore vengono rilasciate con forti precipitazioni. Germinano a una temperatura compresa tra i 6 ed i 26 °C. A temperature ottimali comprese tra i 18 ed i 24 °C, sono necessarie solo 9 ore di bagnatura fogliare. A temperature inferiori, queste aumentano fino a 12-28 ore di bagnatura fogliare per un'infezione efficace. Anche i conidi hanno bisogno di acqua per la germinazione.

Come prevenire la ticchiolatura del melo