Categoria: Notizie
Data pubblicazione: marzo 09, 2020

Un'agricoltura senza prodotti chimici è possibile?

Koppert_BIological_Systems-16_e785d299f5.jpg

 

La terza edizione del congresso "Un'agricoltura senza prodotti chimici è possibile?" si è tenuta il 27 febbraio presso la sede di Koppert Biological Systems. Quest'anno il congresso si è concentrato sulla salute delle piante, in coincidenza con l'Anno internazionale della salute delle piante delle Nazioni Unite. Il dibattito iniziale sull'onere normativo per i prodotti di lotta biologica si è ampliato per includere argomenti come la sostenibilità, i costi di produzione alimentare, il ruolo delle banche e la vendita al dettaglio.

 

Nel suo discorso di apertura, il direttore del marketing aziendale di Koppert, Peter Maes, ha dichiarato: "Abbiamo urgentemente bisogno di più dialogo a tutti i livelli, di cittadini meglio informati quando si tratta di sicurezza alimentare e di una catena alimentare responsabile con un impatto minimo sull'ambiente e sulla società . Serve più attivismo per guidare il cambiamento. Chi é con me?".

 

Al congresso hanno partecipato circa 170 rappresentanti dei Ministeri olandese dell'Agricoltura, della Natura e della Qualità degli Alimenti, autorità locali, accademici, ONG ambientaliste, aziende di produzione e vendita al dettaglio e agricoltori, sia convenzionali che sostenibili. 

 

Questi hanno preso parte a dibattiti interattivi su tre temi:

- Come possiamo limitare l'uso di agenti chimici nell'orticoltura e nell'agricoltura?

- Rinnovo delle procedure di autorizzazione di soluzioni sostenibili

- Come si collegano i rivenditori al dettaglio e altri partner commerciali, agricoltori e governo per finanziare nuove innovazioni
 

"Sebbene Koppert e parti come LTO, Agrifirm, WUR, Artemis e altri abbiano avviato una revisione della situazione legale e abbiano fornito una serie di suggerimenti per miglioramenti normativi nel 2019, un vero cambiamento non è stato (ancora) realizzato", ha dichiarato Evert Hamblok , Manager Regulatory Affairs di Koppert. "Sarebbe meglio fissare obiettivi per un maggiore uso di prodotti biologici e rispettosi dell'ambiente piuttosto che fissare obiettivi dell'UE per la riduzione dei pesticidi chimici entro il 2030. È essenziale un sistema di approvazione più rapido ed efficiente per i prodotti biologici."

 

Bas Eickhout, deputato al Parlamento europeo per i Verdi, ha sottolineato la necessità di prestare maggiore attenzione all'IPM prima di aprire i regolamenti. Ha citato diverse relazioni della Corte dei conti europea secondo le quali gli incentivi politici per ridurre la quantità di pesticidi sono falliti. "È indispensabile integrare la politica agricola comune (PAC) nel Green Deal. L'agricoltura può avere un grande impatto nel rendere l'Europa più sostenibile ", ha affermato Eickhout. Sebbene Eickhout non sia favorevole all'adeguamento delle normative, è positivo in merito all'avvio di un Green Team in grado di giudicare i prodotti biologici per la difesa delle colture.

 

Durante il dibattito finale Marc Jansen (CBL), Roelof Bisschop (SGP), Jürgen Köhl (WUR) e Nicolette Klijnhout-Klijn (Skal Biocontrole) hanno discusso di come i supermercati possano contribuire ad un'agricoltura più sostenibile. "È molto importante formulare una strategia a lungo termine per chiarire la situazione agli agricoltori. Una conversione completa ad un'agricoltura sostenibile richiederà almeno una generazione", ha affermato Roelof Bisschop.