Planococcus ficus

Cocciniglia farinose della vite

Generale

La cocciniglia farinosa della vite (Planoccoccus ficus) è un emittero, appartenente alla famiglia degli Pseudococcidae, originario del bacino del mediterraneo ma ormai presente in quattro continenti. I danni su vite sono dovuti all’imbrattamento dei grappoli con melata, che può portare allo sviluppo di fumaggini e di conseguenza a gravi perdite produttive sia su uva da vino che su uva da tavola. Inoltre, è vettore dei virus responsabili dell’accartocciamento fogliare e del legno riccio su vite. Planoccocus ficus può infestare, oltre alla vite, anche il fico e una vasta gamma di piante ornamentali.

Ciclo vitale e aspetto

La cocciniglia farinosa della vite (Planoccoccus ficus) si sviluppa attraverso 7 stadi: uovo, ninfa di prima, seconda e terza età, prepupa, pupa e adulto. Le uova sono di color giallo-dorato e sono deposite in ovisacchi cerosi (contenenti da 300-500 uova) all’estremità addominale della femmina. Le neanidi sono molto simili alla femmina adulta, anche se presentano dimensioni inferiori. Lo stadio di prepupa e pupa sono presenti solo nel maschio, durante il quale sviluppa gli ocelli laterali e gli abbozzi alari.

Negli adulti è presenta un forte dimorfismo sessuale. Il maschio è più piccolo (1 mm), di colore arancione scuro, presenta lunghe antenne e ali trasparenti ed è privo di apparato boccale. La femmina, più grande (3 mm) e voluminosa, è di forma ovale allungata e non possiede ali. Il corpo è ricoperto di polvere cerosa e presenta, lungo il margine, 18 raggi cerosi, di cui i due anali sono leggermente più lunghi. Una linea scura attraversa il corpo longitudinalmente.

In Italia P. ficus svolge 3-4 generazioni. La stagione fredda viene trascorsa sotto il ritidoma alla base della pianta o nei primi strati di terreno. In primavera le infestazioni si trovano alla base dei giovani germogli, quindi le ninfe si spostano d’apprima verso le foglie e infine sui grappoli.

Sintomi di danno

La cocciniglia farinose della vite causano, con la loro azione trofica, danni di tipo si diretto che indiretto. I primi consistono in difficoltà di sviluppo o avvizzimento degli organi severamente infestati dalla cocciniglia. In certi casi possono favorire il disseccamento del rachide, la morte degli speroni e lo sviluppo di ocratossine. Inoltre può causare alterazioni organolettiche nel vino anche a fronte di infestazioni non elevate.

Anche i danni indiretti sono strettamente legati all’attività trofica e sono conseguenza delle abbondanti produzioni di melata che imbrattano vegetazione e grappolo. La melata promuove lo sviluppo di fumaggini che vanno ad ostacolare l’attività fontosintetica e comportano un danno estetico sul grappolo. Ulteriore danno inidiretto è dovuto alla capacità di P. ficus di essere un vettore di virus. Tra i più rilevanti trasmessi dallo pseudococcide troviamo il virus dell’accartocciamento fogliare (GLRaV), il virus del legno riccio (GVA) e della suberosi corticale (GVB).

Come liberarsi dell'Cocciniglia farinose della vite

Koppert offre varie soluzioni per il controllo biologico dell'Cocciniglia farinose della vite.

Mettiti in contatto con un esperto

Koppert Biological Systems

Thanks for your request!

Something went wrong, please try again

Entra in contatto con uno dei nostri esperti.
Realizziamo prodotti e soluzioni per i coltivatori professionisti del settore dell'orticoltura.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e informazioni sulle tue colture direttamente nella tua casella di posta elettronica

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.
Scroll to top