Pythium ultimum

Marciume dei semenzai.

Generalità

Il Pythium viene considerato un "agente patogeno debole", il che significa che di solito può interessare solo le piante che si trovano in condizioni non ottimali o che soffrono di stress, causato ad esempio da troppa acqua, temperature eccessivamente alte o basse o improvvise variazioni di temperatura.

Pythium ultimum si manifesta per lo più con basse temperature del suolo o dell'acqua, causando malattie anche nei cereali.

Ciclo biologico e aspetto del marciume dei semenzai

Pythium appartiene agli oomiceti, un gruppo separato di microrganismi e di conseguenza non può essere definito come fungo. Sopravvive sotto forma di oospore, spore a riposo resistenti a condizioni sfavorevoli, in particolare alla mancanza d’acqua. La germinazione delle oospore è stimolata dagli essudati delle radici di un ospite sensibile nelle vicinanze. Le oospore germinano e formano i cosiddetti sporangi dai quali vengono successivamente prodotte le zoospore. Le zoospore sono spore con flagelli che consentono loro di muoversi in acqua. Le zoospore sono chimicamente attratte dalle radici delle giovani piante in crescita e si spostano verso di esse tramite l'acqua contenuta nel suolo. Infettano le radici attraverso piccole ferite, nei punti in cui si formano le radici laterali o attraverso altri punti altrettanto danneggiati.

Sulla pianta infetta si formano nuovi sporangi con zoospore che permettono alla malattia di diffondersi alle piante vicine.

Le zoospore si disperdono tramite l'acqua. Pertanto, questa malattia si diffonde più rapidamente in condizioni di umidità con un elevato contenuto di acqua (> 70%) nel suolo o nel substrato.

Le oospore si disperdono quando le particelle del terreno vengono spostate dall'uomo o dalle macchine. Il Pythium può sopravvivere molto bene nel terreno o nel substrato in assenza di piante. Molte specie sono saprofite, pertanto non danneggiano le piante.

Sintomi di infezione

Pythium colpisce le radici, in particolare quelle delle giovani piante. Le piante infette presentano un ritardo nella crescita. Le piantine si afflosciano al suolo ("moria dei semenzai"). Nelle piante leggermente più vecchie, le foglie perdono il loro turgore oppure ingialliscono a partire dalla punta, come ad esempio nei bulbi dei fiori. All'inizio le piante si riprendono nelle ore notturne. Tuttavia, in seguito appassiscono in modo irreversibile. Nelle piante in vaso, i boccioli dei fiori cadono. Le radici laterali marciscono e ben poco del sistema radicale riesce a sopravvivere. Nella zona di confine fra il terreno/ substrato e l’aria ( colletto), la pianta diventa marrone. Un tipico sintomo di infezione da Pythium è la facile rimozione della buccia dalla corteccia della radice con l'unghia di un dito.

Controllo del marciume dei semenzai

Koppert offre varie soluzioni per il controllo del marciume dei semenzai.

Come prevenire il marciume dei semenzai

  • Utilizzare cultivar o innesti resistenti su cultivar tolleranti
  • Utilizzare del materiale di moltiplicazione certificato
  • Assicurare una crescita regolare
  • Evitare un'irrigazione eccessiva.
  • Non somministrare azoto in eccesso poiché ciò favorisce la malattia.
     
  • In serra:
    • Evitare temperature elevate subito dopo la semina. Evitare acqua di irrigazione fredda o troppo calda. Mantenere il contenuto di acqua del substrato inferiore al 70% e garantire un buon drenaggio
    • Disinfettare le soluzioni nutritive ricircolanti
    • Aumentare la distanza delle piante dal substrato principale all'inizio del ciclo colturale utilizzando blocchi di substrato più alti per le piantine
       
  • Nelle colture di pieno campo:
    • Evitare l'utilizzo di campi con drenaggio inadeguato o migliorare il drenaggio prima di piantare/seminare

Prevenire le malattie ottimizzando il potenziale della pianta e la resilienza delle colture.

Mettiti in contatto con un esperto

Koppert Biological Systems

Thanks for your request!

Something went wrong, please try again

Entra in contatto con uno dei nostri esperti.
Realizziamo prodotti e soluzioni per i coltivatori professionisti del settore dell'orticoltura.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e informazioni sulle tue colture direttamente nella tua casella di posta elettronica

Scroll to top