Peronospora sparsa

Peronospora della rosa

Generalità

Il Peronospora sparsa è un fitopatogeno che causa malattie come la peronospora della rosa e fitopatie nelle more, nei lamponi e in altre specie di Rubus.

Ciclo biologico e aspetto della peronospora

Gli agenti patogeni che causano la peronospora non sono funghi ma oomiceti correlati a Pythium e Phytophthora. Sopravvivono come oospore. Da queste oospore o dal micelio sopravvissuto si formano sporangi, strutture in cui vengono prodotte zoospore. Tuttavia, nella peronospora, gli sporangi germinano spesso direttamente e i tubuli germinativi infettano le piante attraverso gli stomi o direttamente penetrando nelle cuticole. Per la germinazione l’acqua è indispensabile. Per la maggior parte delle peronospore, la temperatura ottimale si aggira su 15 °C. Più la temperatura si avvicina ai 15 °C, minore è il periodo di bagnatura fogliare necessario per la germinazione.

All'interno della pianta, gli agenti patogeni producono austori, piccoli organi con cui l'agente patogeno può assorbire sostanze nutritive dalle cellule viventi della pianta. Gli agenti patogeni continuano a crescere all'interno delle foglie e dopo qualche tempo le nuove strutture con spore iniziano a emergere dagli stomi. Essendovi più stomi nella parte inferiore della foglia, è questo il punto in cui sono concentrati i sintomi.. Gli agenti patogeni vengono dispersi per aria, in acqua e sugli utensili. Si presume che alcune specie, come ad esempio la Hyaloperonospora parasitica e la Peronospora farinose, vengano trasmesse dalle sementi (all'esterno di queste). La temperatura ottimale per la germinazione, l'infezione e la sporulazione è relativamente bassa, compresa in genere tra i 10 e i 20 °C. Verso la fine della stagione, vengono prodotte nuove oospore svernanti che vengono interrate con i residui colturali. Alcune specie, tra cui la Peronospora sparsa svernano in piante ospiti viventi come le more.

Sintomi di infezione

Gli agenti patogeni della peronospora infettano soprattutto le foglie e occasionalmente anche gli steli e i frutti. Provocano lesioni sulla superficie superiore della foglia, delimitata dalle venature, che diventano prima gialle e poi marroni. Sulla parte inferiore della foglia appare una crescita di muffa soffice, dapprima bianca e successivamente grigio-marrone. Si tratta della sporulazione degli agenti patogeni espulsi dagli stomi. Nella lattuga, è il piede ad essere infettato per primo, causando la caduta della pianta. Anche lo stelo del cavolo è infetto durante gravi epidemie. Nelle more, possono manifestarsi strisce rosse sugli steli e sui piccioli a causa di un'infezione sistemica. L'infezione precoce dei frutti può dare luogo a un arrossamento precoce, dopo il quale i frutti muoiono e si raggrinziscono. Infezioni successive causano la divisione delle bacche e l'eventuale raggrinzimento di una o entrambe le parti.

Come prevenire la peronospora

  • Selezionare cultivar resistenti
  • Utilizzare un'ampia rotazione delle colture con colture non ospiti
  • Prevenire un microclima umido. Per raggiungere questo obiettivo, ridurre la densità della coltura, assicurare una buona aerazione durante la moltiplicazione e mantenere un clima caldo e secco nelle serre
  • Adottare misure igieniche adeguate. Iniziare a pulire, rimuovere i residui colturali e prevenire spruzzi d'acqua

Prevenire le malattie ottimizzando il potenziale della pianta e la resilienza delle colture.

Mettiti in contatto con un esperto

Koppert Biological Systems

Thanks for your request!

Something went wrong, please try again

Entra in contatto con uno dei nostri esperti.
Realizziamo prodotti e soluzioni per i coltivatori professionisti del settore dell'orticoltura.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e informazioni sulle tue colture direttamente nella tua casella di posta elettronica

Scroll to top